Psicoterapia cognitivo-comportamentale

La psicoterapia cognitivo-comportamentale è un approccio di intervento che, poggiando su un metodo scientifico ed essendo validato empiricamente, è ritenuto dalla comunità scientifica il più efficace per il trattamento della maggior parte dei disturbi psicopatologici.

È una terapia utilizzata sia con gli adulti che con i bambini e gli adolescenti, sia con le coppie che con i gruppi.

Nata negli anni ’60 dalle osservazioni cliniche di A.T. Beck, si basa sul modello cognitivo che ipotizza che gli stati emotivi e i comportamenti delle persone sono influenzati dai pensieri, dalle immagini e dal modo in cui queste percepiscono gli eventi. Infatti, nella maggior parte dei casi, non è la situazione in sé a determinare gli stati emotivi delle persone, ma il modo in cui queste interpretano tale situazione (J. Beck, 2002).

Partendo dal presupposto che la maggior parte dei sintomi e dei disturbi sono conseguenti a pensieri disfunzionali, stati emotivi negativi e comportamenti disadattivi, l’approccio cognitivo-comportamentale, attraverso l’utilizzo di specifiche tecniche, effettua l’intervento su vari livelli:

  • A livello COGNITIVO interviene su pensieri, immagini e credenze disfunzionali, cambiandoli
  • A livello EMOTIVO interviene su emozioni disturbanti, attenuandole
  • A livello COMPORTAMENTALE interviene sui comportamenti disadattavi, modificandoli.

L'esperienza clinica ha inoltre evidenziato che la Psicoterapia cogntivo-comportamentale integrata con Tecniche di distensione psico-fisica (Ipnositerapia, Training Autogeno e Mindfulness) potenzia notevolmente l'efficacia del trattamento.

Pertanto, l’approccio cognitivo-comportamentale integrato prevede:

  • la valutazione del problema presentato dalla persona, in termini anamnestici, sintomatologici, esistenziali e relazionali
  • la valutazione dello stato emotivo, cognitivo e comportamentale della persona
  • l’intervento psicoterapeutico, teso alla riduzione ed eliminazione sintomatologica, alla attenuazione delle emozioni negative, dei pensieri disfunzionali e dei comportamenti disadattivi, al rinforzo dell’Io, e al recupero della fiducia in sé e della autostima.

A tale riguardo, come dimostra l'evidenza scientifica e l'esperienza clinica, tale approccio risulta maggiormente efficace per il trattamento di diversi disturbi, sia nella Psicoterapia individuale dell'adulto che del bambino, sia nella Psicoterapia di gruppo che della coppia:

Nella PSICOTERAPIA con l’ADULTO i disagi maggiormente trattati sono:

Nella PSICOTERAPIA con il BAMBINO i disagi maggiormente trattatti sono:

 

Go to top
Privacy Policy
Credits