Disturbi psicosomatici

Da secoli mente e corpo sono considerati strettamente correlati tra loro. Spesso, infatti, eventi di vita stressanti, disagi fisici che comportano una condizione di stress, disturbi d’ansia o vari disagi di natura emotiva possono esprimersi attraverso il corpo, determinando la comparsa di manifestazioni psicosomatiche.

I disturbi psicosomatici sono, nella maggior parte dei casi, l’espressione di elevate manifestazioni di stress.

Lo stress è una reazione aspecifica dell’organismo provocata da vari stressor, stimoli stressanti che alterano l’equilibrio psicofisico dell’individuo; lo stress, infatti, si attiva ogni qualvolta l’essere vivente si trova di fronte alla minaccia di un pericolo. Inizialmente, tale attivazione è adattiva in quanto consente all’organismo di mobilitare tutte le risorse per far fronte agli stressors. Selye (1936), uno dei maggiori studiosi di stress, aveva descritto tre fasi di reazione dell’organismo:

-Fase di allarme: è di breve durata ed è caratterizzata da varie reazioni biologiche e psicologiche, quali aumento del battito cardiaco, aumento della respirazione, produzione di adrenalina, ecc…

-Fase di resistenza: l’organismo attiva tutte le risorse e le difese fisiologiche e psichiche per far fronte alla situazione stressante.

-Fase di esaurimento: se lo stress perdura per molto tempo ed è troppo intenso, la mente e il corpo non sono più in grado di riparare i danni e si verifica una condizione di massima vulnerabilità fisica e psicologica.

Quest’ultima fase crea una condizione di distress cronico (stress negativo), che determina la manifestazione dei disturbi psicosomatici.

Generalmente, tali disturbi sono generati da un eccessivo stress, da uno stato ansioso o da un disagio emotivo che perdura per un certo tempo. Ne sono un esempio:

  • Cefalee muscolo-tensive;
  • Dolori muscolari causati da un elevato grado di tensione;
  • Disturbi gastrointestinali: dolori addominali, nausea e vomito e, in particolare, la Sindrome del colon irritabile;
  • Manifestazioni dermatologiche causate da particolari condizioni di stress o disagi emotivi;
  • Ecc…

Tali manifestazioni sono tali da influenzare intensamente la qualità di vita del paziente, riducendo, in alcuni casi, le sue capacità lavorative, sociali e relazionali-affettive.

Tali disturbi sono, pertanto, esacerbati da stati di ansia, soprattutto anticipatoria (timore della insorgenza dei sintomi), da periodi/situazioni/eventi stressanti, da stati emotivi negativi.

Il vaginismo oggi

Il vaginismo (da vaginismo.eu)

CON il termine “vaginismo” si definisce una contrazione involontaria dei muscoli vaginali, tale da impedire o rendere difficile la penetrazione. In molti casi risulta impossibile anche effettuare la visita ginecologica. Attualmente non abbiamo dati certi di quanto questo disturbo sia diffuso nella popolazione femminile, forse a causa della difficoltà della donna di richiedere un intervento specialistico.

Argomento di appartenenza: 

Così nel mondo, il buonumore un ‘rimedio efficace’

Giovani e risate (www.santacaterina.asti.it)

UNA leggenda della tribù indiana degli apache racconta che, dopo aver dotato l’essere umano di tutta una serie di qualità, il Creatore aggrottò la fronte e si sedette su una roccia con la testa tra le mani. La sua creatura poteva parlare, correre, vedere, capire (..) eppure le mancava una qualità essenziale. Era necessario che l’essere umano sapesse ridere! Subito gli uomini e le donne scoppiarono a ridere e risero di gusto un bel po’. Allora il Creatore sorrise, era soddisfatto. Si alzò e salutò gli uomini e le donne che si asciugavano quelle lacrime di gioia.

SII, la sindrome dell'intestino irritabile

Tutto sulla SII, sindrome dell'intestino irritabile (professionistibenessere.it)

LA Sindrome dell’Intestino Irritabile (SII) è uno dei disturbi funzionali più frequenti ed è caratterizzato, prevalentemente, da dolore e/o gonfiore addominale, colite e/o stipsi. La diagnosi di Sii è clinica, in quanto si basa sui sintomi individuali descritti dal paziente; non è definibile una “malattia”, in quanto le sue alterazioni non sono evidenti ad un esame medico.

Biologia e credenze

B.Lipton (waldzell.org)

Negli ultimi dieci anni, la ricerca epigenetica ha dimostrato che i modelli di DNA trasmessi attraverso i geni non sono fissati alla nascita. I geni non sono il nostro destino! Le influenze dell’ambiente, compreso il nutrimento, lo stress e le emozioni, possono modificare i geni senza modificare il modello di base. E queste modifiche, come ha scoperto l’epigenetica, possono essere trasmesse alle generazioni future esattamente come i modelli di DNA” (Lipton, 2006).

Argomento di appartenenza: 
Abbonamento a RSS - Disturbi psicosomatici
Go to top
Privacy Policy
Credits